L’ammissione a Casa Primavera deve essere fatta per il tramite di servizi territoriali esterni e non è il risultato di un semplice accordo tra la famiglia e il centro educativo minorile.

Il protocollo prevede una specifica procedura svolta dai servizi sociali cantonali (Ufficio Aiuto e Protezione, Servizio Medico Psicologico), suddivisa in diverse fasi. L’Ufficio dell’aiuto e protezione (o Servizio Medico Psicologico) accoglie la domanda di affidamento da parte dei genitori e accerta se sussistono le condizioni indicate dalla Legge sul sostegno alle attività delle Famiglie e di protezione dei minori e se, tra le misure disponibili, l’affidamento in Istituto rappresenta la soluzione più adeguata ai bisogni del minore.

In caso affermativo, l’Ufficio dell’Aiuto e della Protezione, o il servizio accreditato, sottopone al Consiglio di esame per gli affidamenti a terzi (CEAT) il progetto educativo con la proposta di collocamento nel CEM.

Solo con la delibera da parte del CEAT a favore di Casa Primavera, la direzione promuove un incontro con tutte le parti interessate per verificare/confermare l’ammissione e per la condivisione del progetto educativo con la famiglia ed il minore. Durante gli incontri preliminari vengono definite le modalità, i tempi di ammissione a Casa Primavera.

Questa procedura impone la definizione di una convenzione, sottoscritta da tutte le parti coinvolte, che viene adattata e applicata per ogni singola situazione all’insegna della massima trasparenza.

Mappa

Indirizzo e contatti

Via Marco da Carona 10
6900 Lugano

058 866 20 20
casa.primavera@lugano-lis.ch
risorse.umane@lugano-lis.ch

Informazioni

Approfondimenti

Video